You are on page 1of 0

Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.

17 1
ARCHITETTURE HIGH TECH
CRITERI PROGETTUALI INNOVATIVI
3/3
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 2
Museo Guggenheim
Frank O. Gehry - 1997
Bilbao
Nessuna paura pi stupida di quella che ci fa temere di uscire dallarte che
esercitiamo. Non v pittura, n scultura, n musica, n poesia, non v che
creazione.
ARCHITETTURE HIGH TECH
CRITERI PROGETTUALI INNOVATIVI
Boccioni
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 3
Studi preliminari per la
scelta dellarea di
progetto
LOCALIZZAZIONE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 4
Primi schizzi di progetto
CONCEZIONE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 5
Pianta piano terreno
Il Museo contiene la pi
grande galleria
espositiva del mondo
per volume libero
interno: lunghezza 170
m, altezza 25 m;
atrio 650 mq, altezza 50
m.
Superficie: 24.000 mq
Tempo di realizzazione:
4 anni
Costo: circa 100 milioni
di dollari
LEDIFICIO
atrio
galleria
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 6
LEDIFICIO
Pianta piano primo
atrio
galleria
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 7
LEDIFICIO
Pianta piano secondo
atrio
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 8
LEDIFICIO
Pianta piano coperture
atrio
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 9
LEDIFICIO
Sezione longitudinale
atrio
galleria
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 10
Lunico nuovo materiale che abbiamo usato a Bilbao stato il titanio.
Le lastre di titanio sono pisottili di quanto avrebbero potuto esserlo quelle
di acciaio; il loro spessore soltanto di un terzo di millimetro ed inoltre sono
flessibili, non rimangono rigide ed immobili come lastre di acciaio, ma la
loro superficie vibra nel vento.
C una certa ironia nel fatto che la sensazione di stabilit data dai blocchi
di pietra del basamento sia ingannevole, poich la pietra esposta al
clima aggressivo delle nostre citt si deteriora, mentre invece un foglio di
titanio di un terzo di millimetro di spessore garantito per un secolo contro
gli effetti dellaggressione atmosferica.
Ci deve spingerci ad una riflessione profonda di cosa rappresenti oggi il
concetto di stabilit.
Materiali
Durabilit
DALLA RELAZIONE DI PROGETTO
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 11
Lopera progettata
come le antiche
cattedrali medievali a
partire da un modello
(anzi da decine di
modelli realizzati nei pi
svariati materiali), che
consentono a Ghery di
prefigurare il modo in
cui pu venire plasmata
la materia, come se si
trattasse di unopera
scultorea e non di un
edificio.
Alla modellazione
reale, ottenuta
attraverso la
realizzazione di plastici di
studio, si
accompagnata una
modellazione virtuale
ottenuta per mezzo di
software di modellazione
tridimensionale
particolari, di derivazione
aeronautica.
IL PROGETTO
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 12
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 13
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 14
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 15
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 16
PATOLOGIE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 17
PATOLOGIE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 18
INTERNI
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 19
INTERNI
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 20
DAL
MODELLO
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 21
AL
CANTIERE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 22
Il sistema di rivestimento in fogli di titanio appeso ad una struttura metallica
retrostante, articolata in due sistemi secondari:
tubolari galvanizzati orizzontali, passo 3 m
profili a C verticali, passo 60 cm
Su questi profili fissata una cappa continua in acciaio galvanizzato dello
spessore di 2 mm.
La parete perimetrale ospita una intercapedine per il passaggio degli impianti
TECNICHE
COSTRUTTIVE
Marco MORANDOTTI architettura tecnica e tipologie edilizie - lez.17 23
Lisolamento termico
disposto sulla faccia
interna della superficie
perimetrale, ed
ottenuto mediante un
rivestimento in lana di
roccia.
Sulla cappa in acciaio
galvanizzato stata
posta una membrana in
butilene auto-aderente
con funzione di
impermeabilizzazione.
Allesterno della
membrana di protezione
sono stati fissati i fogli
di titanio (spessi 0,38
mm), ancorati tramite
staffe di acciaio inox.
TECNICHE
COSTRUTTIVE